NO al vigente progetto del nuovo casello, SI alle altre opere compensative.

Lettera aperta all’amministrazione comunale di Fano e al Ministro Lupi  dalle associazioni

LA LUPUS IN FABULA
LEGAMBIENTE – PESARO
ARGONAUTA – FANO
PRONATURA MARCHE
WWF – MARCHE
FOR-BICI – FANO
ITALIA NOSTRA – PESARO

Gent.mi,
apprendiamo dalla stampa che l’incontro tra la Giunta di Fano e il ministro ai Trasporti e alle
Infrastrutture ha lo scopo di sbloccare l’iter per la realizzazione del casello di Fano Nord, sul quale
pende il parere contrario del Ministero dei Beni e delle Attività Culturali e del Turismo.
Questo parere, che condividiamo ampiamente e sul quale vi invitiamo a soffermarvi, considera non
solo la funzionalità del nuovo casello in relazione al traffico di attraversamento della città di Fano
ed ai collegamenti con Pesaro, ma soprattutto il valore ambientale dell’area su cui Società
Autostrade ha progettato l’opera.
Si tratta della valle del torrente Arzilla, l’unica che a livello provinciale si è salvata da una
urbanizzazione massiccia, la quale ha interessato i più noti bacini idrografici del fiume Cesano,
Metauro e Arzilla, anche per i numerosi vincoli esistenti: D.L. 42 del 22/01/2004 (Codice dei beni
culturali e del paesaggio) art. 136 e 142; P.P.A.R. approvato dalla Regione il 03/11/1989;
Dichiarazione di area di notevole interesse pubblico – D.M. 25/8/1965 e D.P.G.R. Marche n. 668
del 03/11/1981. Inoltre il corso del torrente Arzilla è tutelato come Sito di Importanza Comunitaria.
E’ stato il comune di Fano alla fine del 1980 a chiedere alla Regione Marche un
provvedimento di protezione assoluta per le zone correnti lungo il letto del torrente Arzilla (di cui fa
parte proprio l’area in cui dovrà essere realizzato il nuovo casello) per la particolare conformazione
e integrità del paesaggio agrario, al fine di conservarne “le attuali caratteristiche naturali, …la
conservazione delle singolarità faunistiche e geomorfologiche del territorio”. Oggi la tutela di
quest’area è ancora più importante, perché dopo trent’anni il territorio pianeggiante del comune di
Fano è stato ampiamente cementificato da una crescita edilizia spesso condizionata dalla
speculazione.
Quindi con la costruzione del casello di Fenile, non solo si andrebbe ad eludere e vanificare
un vincolo lungimirante e prezioso, ma il rischio che la nuova infrastruttura crei un effetto domino
su tutta la valle è molto concreto e sicuramente da scongiurare. Un casello crea sempre nuova
urbanizzazione, e questo lo ha capito anche la Regione Marche che, nell’esprimere parere positivo
nell’ambito della procedura di V.I.A., impone otto prescrizioni tra cui “mitigazioni consistenti in
superfici forestali… in quantità tali da occupare le aree situate ai lati della S.P. 45 maggiormente
sensibili alla diffusione insediativa”. Ma non saranno nuove superfici forestali – di difficile
realizzazione – o nuovi provvedimenti di salvaguardia adottati a livello comunale a rassicurarci
sull’effetto “sprawl urbano”. Il P.R.G. vigente già prevede un centro commerciale e direzionale
proprio all’uscita del nuovo casello!
La scelta più corretta è l’opzione zero, cioè non fare il casello, o comunque non
realizzarlo secondo la più recente soluzione progettuale.
Il casello di Fano nord non risolve il problema dei collegamenti con Pesaro, in quanto gli
automobilisti continueranno a preferire la S.S. 16 rispetto ad una strada con pedaggio. Anzi, come
evidenzia anche la Regione Marche nel suo parere, il pericolo è che a causa del nuovo casello
altre aree della città, come via Trave, siano interessate da quote aggiuntive di traffico. Ciò perché,
a differenza di quanto sostiene società Autostrade nel suo progetto, il nuovo casello non avrà una
nuova viabilità di servizio e la prevista strada comunale “interquartieri”, che dovrebbe collegare la
S.P. 45 con la S.S. 16 a nord-est dell’abitato di Fano, non verrà mai realizzata. Infine esiste il
rischio che se il nuovo casello di Pesaro sud –zona Santa Veneranda – non dovesse superare la
Valutazione di Impatto Ambientale e quindi non essere realizzato, sarebbe il casello di Fenile e la
viabilità locale tra le due città a dover subire un insostenibile carico di transiti provenienti anche
dalla città di Pesaro.
Quello che serve, invece, sono le quattro bretelle che collegheranno la S.P. 3 – fraz.
di Tombaccia – e la S.P. 45 – fraz. Belgatto – anch’esse previste nel pacchetto di opere
compensative della terza corsia autostradale. Questo percorso, che si connette anche al casello
esistente, è molto importante perché servirà a collegare tra loro strade provinciali e statali che
scendono a pettine verso la costa e pertanto ad evitare che il traffico extraurbano attraversi il
centro di Fano. Su questo progetto c’è già il parere positivo della Soprintendenza e la disponibilità
di Società Autostrade a cantierare l’opera.
Quindi le associazioni ambientaliste firmatarie della presente chiedono al Sindaco, alla
Giunta ed al Ministro di impegnarsi affinché con Società Autostrade sia sottoscritta una
convenzione in cui siano confermate tutte le opere compensative ad esclusione del casello di
Fano Nord. Per quest’ultimo riteniamo necessari ulteriori approfondimenti e lo studio di una
diversa soluzione di minor impatto ambientale rispetto al progetto scelto da Società
Autostrade, che la sua realizzazione sia decisa solo dopo il completamento dell’iter di
approvazione del casello di Pesaro Sud, che intorno al nuovo casello per un’area
sufficientemente ampia sia apposto un vincolo sovraordinato (Regione, Ministero, ecc.) di
totale inedificabilità, al fine di tutelare efficacemente i valori ambientali e paesaggistici della
valle dell’Arzilla.

 

logofanotizia

 

 

 

Potrebbero interessarti anche...

Translate »