Sinistra Unita Fano aderisce alla mobilitazione del 15 maggio contro Fosso Sejore

Il progetto della nuova struttura a Fosso Sejore è il simbolo di quanto
più dannoso si possa fare in scelte sanitarie. Luogo sbagliato, metodo
di finanziamento sbagliato e decisione calata dall’alto senza un minimo
di condivisione e discussione con i territori interessati. Terreni
privati, zona a grande vocazione turistica, pessima viabilità, vincoli
paessagistici, scarsissimi collegamenti con l’entroterra e rischio di
dissesto idrogeologico sono solo alcuni dei motivi, e non ci stancheremo
mai di ripeterlo, che fanno di Fosso Sejore la peggiore scelta possibile
per la realizzazione della nuova struttura. Una scelta che rischia di
compromettere irrimediabilmente la qualità sanitaria, già di per sé in
sofferenza, della nostra provincia per i prossimi decenni.

Sinistra Unita Fano ha sempre detto di essere contraria al Project
Financing (e a qualunque tipo di finanziamento che preveda di favorire
gli interessi privati a quelli pubblici, come possono essere le varie
forme di leasing o altri metodi “creativi”). La costruzione della nuova
struttura dovrà essere interamente finanziata con soldi pubblici. Non si
può privatizzare la sanità, un diritto sancito dalla nostra
costituzione.

Per tutti questi motivi Sinistra Unita Fano aderisce con convinzione
alla mobilitazione del 15 maggio promossa da Circolo Rosso e Verde,                                                           noFossoSejore
Italia Nostra Pesaro-Fano, la Lupus in Fabula, Legambiente Pesaro, WWF
Soci Pesaro. No a Fosso Sejore, No al project financing (e alle altre
forme di finanziamento “private”), Si a scelte sanitarie condivise.
L’appuntamento è per tutti domenica 15 maggio alle ore 11:00 a Fosso
Sejore.

Potrebbero interessarti anche...

Translate »